Delitto Careddu: i due minorenni a processo il 10 settembre

Delitto Careddu: i due minorenni a processo il 10 settembre

L’ipotesi del rito abbreviato aprirebbe inevitabilmente a uno sconto di pena.

C’è una prima data cruciale dopo la chiusura delle indagini sull’omicidio di Manuel Careddu, il 18enne massacrato sulle rive del lago Omodeo l’11 settembre 2018. I due minorenni andranno a processo esattamente un anno dopo la mattanza per la quale sono finiti in carcere insieme ad altri 4 ragazzi (tutti tra i 19 e i 20 anni). Prima udienza il 10 settembre 2019.

A processo un anno dopo l’omicidio

C.N e G.C, un ragazzo e una ragazza (17enni al momento del delitto), compariranno in aula il prossimo 10 settembre, presso il Tribunale per i minorenni di Cagliari. Lo scorso 25 marzo è stata depositata la richiesta di giudizio immediato.

Cosa succede adesso? Gli avvocati dei due giovani (Gianfranco Siuni e Giancarlo Frongia) possono chiedere il rito abbreviato entro 15 giorni, formula alternativa che aprirebbe a un inevitabile sconto di pena.

C’è ancora da attendere per la definizione del processo in Corte d’Assise a carico dei maggiorenni del branco. Per Christian Fodde, Riccardo Carta e Matteo Satta (assistiti dai legali Aurelio Schintu, Angelo Merlini ed Emanuele Tuscano) non c’è ancora la data in cui dovranno comparire davanti ai giudici di Cagliari.

LEGGI ANCHE: Omicidio Careddu: chiesto il giudizio immediato

Sul gruppo gravano accuse pesantissime: omicidio volontario premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere. Per Nicola Caboni, il quarto maggiorenne finito in manette, l’accusa è soppressione di cadavere. Difeso dall’avvocato Cristian Piu, ha optato per la richiesta di patteggiamento, attualmente al vaglio del giudice.

LEGGI ANCHE: Il ruolo del sesto indagato nel caso Careddu